POZZUOLI – Nel corso della notte la città di Pozzuoli è stata svegliata da uno sciame sismico che ha fatto “tremare” la cittadinanza. Secondo le indicazioni fornite dai tecnici dell’Osservatorio Vesuviano la magnitudo più alta registrata, a partire dalle 2, è stata di 1,9 alle 4:08. L’epicentro dello sciame è stato localizzato tra il vulcano Solfatara e Agnano.  Nella settimana dal 29 marzo al 4 aprile nell’area dei Campi Flegrei sono stati registrati 49 terremoti. La velocità media del sollevamento da settembre 2020 è di 13±2 mm/mese. Il sollevamento registrato alla stazione GPS di RITE è di circa 72.5 cm da gennaio 2011. In considerazione della vicinanza degli eventi sismici all’area idrotermale di Pisciarelli, l’amministrazione comunale sottolinea alla cittadinanza il divieto di avvicinarsi alle aree di emissione di fluidi di per il pericolo di emissioni di fango ad alta temperatura. Dal 2012 il Dipartimento Nazionale di Protezione ha elevato il livello di allerta vulcanica dei Campi Flegrei da verde (base) a gialla (attenzione). L’innalzamento del livello di allerta ha comportato il rafforzamento del monitoraggio scientifico e delle attività di pianificazione e prevenzione.