MONTE DI PROCIDA – Domani alle 11.30 presso la sala consiliare “Ludovico Quandel” del Municipio di Monte di Procida ci sarà la firma dello Schema di Accordo Istituzionale per la tutela e la valorizzazione sostenibile dell’area vasta di Torrefumo tra il Comune di Monte di Procida, la Città Metropolitana di Napoli, l’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Meridionale, l’Università Parthenope – Dipartimento di Scienza e Tecnologia, il Parco Regionale dei Campi Flegrei e il Parco Sommerso della Gaiola. Lo Storico Accordo Istituzionale che vede riuniti intorno ad un unico Programma ben sei Enti, riguarda le attività di progettazione e di attuazione, di monitoraggio e di controllo, di un sistema integrato di interventi per il contrasto e l’adattamento ai cambiamenti climatici sulla linea di costa, per tutta la zona di Torrefumo, un’area che va dalla via Panoramica, compresa, fino al porto di Monte di Procida. Attraverso questo accordo, primo atto operativo del PUC, successivo all’adozione del Protocollo d’Intesa OBC per Torrefumo, Monte di Procida potrà usufruire di progettazioni del valore di circa 300mila euro per interventi concreti previsti nella zona di Torrefumo coordinati tra loro da un unico Progetto generale ambientale paesaggistico e gestionale. Tali progettazioni saranno finanziate dal Ministero dell’Ambiente e dalla Città Metropolitana di Napoli.

I PROGETTI – Ecco gli interventi principali che saranno posti in essere: contrasto e adattamento ai cambiamenti climatici, valorizzazione dell’area naturalistica con percorsi pilota volti alla gestione sostenibile dal punto di vista ambientale, paesaggistico, economico e sociale di Torrefumo e delle aree limitrofe, interventi di prevenzione, protezione idrogeologica ed ambientale, per un impianto di fitodepurazione per il recupero delle acque bianche, per un considerevole incremento ulteriore dell’apparato vegetazionale e della macchia mediterranea che sarà fruibile tramite una rete di sentieri paesaggistici e panoramici e una pista ciclabile, per la difesa della costa e della biodiversità attraverso l’adeguamento della scogliera esistente ai moti ondosi e alla balneazione, la piantagione di praterie di Posidonia nell’area di riserva marina prospiciente, per una balneazione di tipo naturalistico rispettosa dell’ambiente, per un impianto di fitodepurazione e una pista ciclo pedonale. Il sindaco è inoltre impegnato in un dialogo continuo volto a migliorare la fruizione pedonale in sicurezza di via Panoramica. Domani introdurrà la riunione l’assessore Francesco Escalona delegato al progetto. Firmeranno l’Accordo: il sindaco di Monte di Procida, Giuseppe Pugliese; il consigliere delegato al Programma della Città Metropolitana di Napoli OBC Ossigeno Bene Comune, Salvatore Pace; il segretario generale Vera Corbelli dell’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Meridionale; il professore Giorgio Budillon dell’Università Parthenope-Dipartimento di Scienze e Tecnologie; il presidente del Parco Regionale dei Campi Flegrei Francesco Maisto e il direttore del Parco Sommerso di Gaiola, Maurizio Simeone.