MONTE DI PROCIDA – Tragedia nella notte a Monte di Procida dove un immigrato di 30 anni è morto nella sua abitazione in via Cappella, in seguito a un incendio provocato da un guasto stufa elettrica. L’allarme è stato lanciato dai vicini di casa del 30enne, che viveva da solo al primo piano di una palazzina nella frazione al confine con Bacoli. L’uomo è stato trovato esanime dai soccorritori, la morte provocata con ogni probabilità da intossicazione da monossido di carbonio. Sul posto, poco dopo la mezzanotte, sono giunti i carabinieri delle stazioni di Monte di Procida e di Bacoli, i vigili del fuoco della squadra 5B di Monterusciello e i sanitari del 118. Sulla salma del 30enne il magistrato di turno ha disposto l’autopsia che sarà effettuata nelle prossime 48 ore presso il centro di medicina legale del Secondo Policlinico di Napoli.