BACOLI – Mamy è il primo cane di quartiere di Bacoli. Vive in villa comunale, non ha padroni, ma è stata adottata da tutta la cittadinanza. Ad annunciarlo è il sindaco Josi Gerardo Della Ragione: «Era una randagia, destinata a vivere in gabbie. Adesso invece, dopo la remissione in citta, è il cane di tutti. Lo abbiamo sterilizzato, ha il microchip e corre felice lungo le sponde del lago Miseno. È un atto d’amore; un atto di civiltà che abbiamo fortemente voluto. Mamy è monitorata dall’associazione FATA, la quale si è assunta l’onere di gestione e responsabilità dell’animale: fornisce cibo, cure, assistenza e mantiene anche il decoro dei luoghi in cui la cagnolina vive. È di indole docile, affettuosa, amica dei bambini. Ben integrata con le persone e gli altri cani. La remissione sul territorio è possibile, naturalmente, laddove si accerti la mancanza di pericolosità per la sicurezza dell’uomo, di altri animali o cose, oltre allo stato di buona salute dell’animale».

L’APPELLO – Il sindaco di Bacoli lancia anche un appello ai cittadini affinché possano adottare i cani che attendono una famiglia al canile di Caivano. In cantiere c’è poi il progetto di un rifugio comunale: una casa accogliente per i cani con molti spazi aperti.