POZZUOLI – Prevenzione e lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi delle scuole. L’amministrazione comunale di Pozzuoli ha presentato il suo progetto nell’ambito dell’operazione “Scuole Sicure 2019/2020” al fine di poter disporre di sistemi di videosorveglianza presso gli istituti maggiormente esposti a tale fenomeno. Già nel mese di luglio la Prefettura di Napoli ha comunicato alla squadra di governo puteolana l’approvazione del progetto e l’ammissione al finanziamento per l’importo complessivo di 39.040,00 euro.

LE SCUOLE INTERESSATE – Il progetto, presentato dal Comune di Pozzuoli e ora diventato esecutivo, prevede l’installazione di videocamere e videoregistratori nei pressi di alcuni plessi scolastici, quali: la scuola secondaria di primo grado “A. Diaz” in via Severini; la scuola primaria “E. Morante” in via Levi; la scuola secondaria di primo grado “R. Annecchino” in via Modigliani; la scuola primaria “G. Rodari” in via Modigliani; la scuola primaria “De Filippo” in via Caio Vestorio; la scuola secondaria di primo grado “Quasimodo” in via Pio e la scuola primaria “Viviani” in via Viviani.

L’INIZIATIVA – Il contributo, che si compone di una quota fissa di 20.000 euro identica per tutti i Comuni interessati e di una quota variabile commisurata alla popolazione residente al 1 Gennaio 2018, poteva essere destinato alla realizzazione di sistemi di videosorveglianza (che non abbiano già beneficiato di forme di contribuzione pubblica), all’assunzione a tempo determinato di agenti di polizia locale, al pagamento delle prestazioni di lavoro straordinario del personale della Polizia locale, all’acquisto di mezzi ed attrezzature e alla promozione di campagne informative volte alla prevenzione e al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti.