I carabinieri nell'area sequestrata
I carabinieri nell’area sequestrata

VARCATURO –  Rifiuti di ogni genere dati alle fiamme nell’ appezzamento di terreno all’interno di una comunità di recupero per tossicodipendenti. E’ quanto scoperto dai carabinieri della Compagnia di Giugliano in seguito a un intervento operato su segnalazione al 112. I militari hanno tratto in arresto a Varcaturo un 39enne di Minervino Murge già noto alle forze dell’ordine, un 55enne di Vittoria e un ucraino 57enne, tutti domiciliati in una comunità di recupero per tossicodipendenti e resisi responsabili di combustione illecita di rifiuti. I tre sono stati sorpresi dai militari dell’arma mentre incendiavano un cumulo di rifiuti speciali (elettrodomestici fuori uso, divani, materiale plastico e ferroso, rifiuti solidi urbani e altro) sversati su un appezzamento di terreno antistante e di pertinenza della comunità. A seguito dell’intervento è emerso lo sversamento di altro materiale della stessa tipologia su circa 200 metri quadri di un fondo agricolo in ordine al quale è ancora al vaglio delle autorità la posizione di un 39enne e un 48enne di Giugliano. Per la classificazione del materiale rinvenuto è stato interessato personale dell’Arpac e l’intera area è stata sequestrata. Gli arrestati sono in attesa di rito direttissimo.