FUORIGROTTA – La pausa caffè o di ristoro, all’interno delle aree di servizio in tangenziale, il 22 ed il 25 giugno scorso, era costata cara a due automobilisti che si erano visti derubati dei loro beni custoditi in auto. Agendo in maniera fulminea, un 46enne del Rione Amicizia, pregiudicato per reati specifici, dopo aver preso di mira la vittima di turno, si intrufolava nell’abitacolo dell’auto lasciata in sosta, per poi portar via telefoni cellulari, denaro e quant’altro in essa contenuto. L’intensa attività investigativa, svolta all’indomani della denuncia di una delle vittime, ha consentito agli agenti della Sottosezione della Polizia Stradale di Fuorigrotta, d’identificare e denunciare in stato di libertà il ladro, responsabile dei reati di furto aggravato e danneggiamento.

I FURTI – Due, infatti, risultano i colpi messi a segno e, successivamente confessati dal 46enne, quando i poliziotti, nella giornata di ieri, lo hanno intercettato e bloccato nell’area di servizio a Capodimonte, precludendogli ogni possibilità di fuga. Gli agenti hanno accertato che il ladro, abilmente, in un caso era disceso dalla sua autovettura, che aveva parcheggiato tra le altre presenti nell’area di sosta, per avvicinarsi al veicolo della vittima mentre era in fase di parcheggio, in modo di aprirgli leggermente la portiera posteriore.