QUARTO – Qualche ora di svago tra i corridoi del centro commerciale “Quarto Nuovo” e poi dritti verso l’auto nel parcheggio. Chiave nel quadro, marcia innestata e via. Dopo pochi metri però uno strano rumore distrae da quel caldo soffocante. La ruota è forata. In questo momento scatta la trappola: la famigerata tecnica della gomma forata. L’automobilista esce dal veicolo, chiavi ancora inserite e controlla gli pneumatici. Nell’abitacolo magari lascia cellulare, borsa e l’intera spesa. Uno sconosciuto è rimasto nell’ombra e in un istante aggira l’auto e porta via tutto quello che di importante c’è all’interno. Intanto un complice distrae la vittima con qualche chiacchiera dai toni maliziosamente solidali. Il ‘copione’ è andato in scena ieri pomeriggio nell’area parcheggio del centro commerciale di via Masullo a Quarto. Spettatori attivi in quella sceneggiata i carabinieri della locale tenenza. Anche loro appostati discretamente tra i clienti dello store, vedono tutto e individuano quello che è lo “staff” di una messinscena ben rodata.

L’ARRESTO – Sono in tre, ognuno con un ruolo definito. Tre come le coppie di manette scattate ai loro polsi. Concorso in tentato furto aggravato per Mario Di Maio, Roberto Manco e Ferdinando Coronella, tutti napoletani del centro storico. Non riescono a rubare nulla perché, dopo aver forato le gomme a diverse auto parcheggiate, si ritrovano i carabinieri addosso. Appena prima di ingannare la vittima designata. Sono ora ai domiciliari, in attesa di giudizio.