La conferenza stampa di presentazione

di Elena De Mari

POZZUOLI- Dopo il grande successo degli scorsi anni, il festival nazionale “Tra mito e teatro” giunge alla sua terza edizione. Quattro le compagnie in gara che si esibiranno al teatro “Sant’Artema” di Monterusciello. A presentare la nuova kermesse Roberta Principe, regista della compagnia “Vulimm’ vulà” e il presidente Gennaro Saturnino. Location è stata palazzo Toledo, polo culturale di Pozzuoli dove erano presenti anche il presidente della UILT Campania Orazio Picella e, per il Comune di Pozzuoli, l’assessore alla cultura Franco Fumo che a nome dell’amministrazione ha apprezzato l’iniziativa teatrale.

 

IL FESTIVAL – «Come la passata edizione anche quest’anno saranno protagoniste delle serate le associazione puteolane – ha spiegato Roberta Principe – che ogni serata ci doneranno un mini spettacolo di 15 minuti omaggiando Pozzuoli. Spero che questo festival diventi nel più breve tempo possibile un patrimonio della città di Pozzuoli». Lo stesso concetto è stato, poi, ribadito dal presidente della compagnia Gennaro Saturnino «Il festival non è una cosa solo di chi l’organizza ma deve essere sentito da tutta la città come un bene proprio». Alla fine del concorso, come simbolo di riconoscenza ed ospitalità, il maestro Antonio Isabettini farà omaggio di una sua opera ad ogni compagnia partecipante.

 

IL CALENDARIO – Cinque appuntamenti da non perdere: il 6 aprile con la compagnia di Roma “La bottega di Rebardò” che porterà in scena “Una volta nella vita”; il 13 aprile calcherà il palco la compagnia di Formia “ Costellazione” con lo spettacolo “La cattedrale”; il 27 aprile toccherà alla compagnia “Amici nostri”, della provincia di Bari, con “Il letto ovale”; il 4 maggio sarà la volta della compagnia “Dioscuri” di Salerno con “Natale in casa Cupiello”; ultimo imperdibile appuntamento l’11 maggio in cui si esibirà la compagnia “Vulimm’vulà” con “Forse c’è ancora una…speranza”. La kermesse avrà come scenario il teatro “Sant’Artema” di Monterusciello.

 

LA NOVITA’– Tra le tante novità della nuova edizione spicca quella della tripla giuria. Affianco alla ormai consolidata giuria tecnica, ci sarà il “premio stampa”, assegnato da giornalisti delle testate dell’area flegrea ed il “premio scuola” , che sarà assegnato da una  giuria composta da studenti dell’Istituto Virgilio.

 

NON SOLO TEATRO– Un festival come “scusante” per la promozione del nostro patrimonio artistico. Grazie all’ormai consolidata collaborazione dell’associazione Nemea, le quattro compagnie selezionate per il concorso verranno accompagnate in un piccolo tour turistico per le bellezze archeologiche culturali del centro storico.