Ludovica Nasti

POZZUOLI – Occhi verdi, carnagione olivastra, sguardo intenso e sorriso smagliante. Ludovica Nasti, 12enne di Pozzuoli, è entrata nelle case di milioni di italiani con la serie tv “L’amica geniale”, ispirata alla tetralogia best seller di Elena Ferrante e diretta da Saverio Costanzo. La storia di Elena e Lila, due bambine nate in un quartiere povero di Napoli, amiche fin dall’infanzia, che si scontrano con il patriarcato e l’ignoranza. I loro sogni, gli amori, le famiglie, i tradimenti. La serie è stata presentata fuori concorso alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. Le riprese hanno coinvolto oltre 150 attori e 5mila comparse: ai provini hanno partecipato 9mila bambini e 500 adulti.

Il direttore Gennaro Del Giudice e la giornalista Tiziana Casciaro durante l’intervista all’attrice Ludovica Nasti

A TU PER TU CON LUDOVICA – A soli 12 anni Ludovica è già un’icona per le sue coetanee. In tante, infatti, imitano la piccola attrice, interpretando il personaggio di Lila per gioco. La bambina puteolana è ormai un modello da seguire e da emulare.
Oggi Ludovica è stata ospite della redazione di “Cronaca Flegrea”. Nel corso della chiacchierata ci ha raccontato aneddoti e curiosità di questa sua prima avventura cinematografica.

Ludovica, oggi tutta Italia ti conosce come Lila Cerullo. Com’è stata la tua esperienza sul set de “L’amica geniale”?
La mia esperienza sul set è stata emozionante. Ho vissuto momenti magici ed indimenticabili che resteranno sempre impressi nella mia mente.

Ci racconti qualche retroscena? Sappiamo che tu e la piccola Elisa Del Genio (Lenù) siete diventate molto amiche.
Tra una scena e l’altra mi divertivo a giocare a calcio con la troupe cinematografica. Io ed Elisa abbiamo legato molto. Abbiamo condiviso tanto tempo insieme e tra noi è nata un’amicizia.

Conoscevi già il libro della Ferrante? Come ti sei approcciata al copione?
No, non conoscevo il libro. Ammetto che man mano che leggevo i copioni mi sono appassionata sempre di più alla storia.

Quanto di Ludovica c’è nel personaggio di Lila?
Nel personaggio di Lila ci sono la determinazione, la forza e il coraggio di Ludovica.

Hai imparato a recitare in napoletano, bravissima. E’ stata dura?
No, non è stato difficile anche se prima non avevo mai parlato in dialetto. Ho imparato a recitare in napoletano con l’aiuto di un coach.

Chi sono i tuoi attori preferiti? C’è un modello a cui ti ispiri?
La mia attrice preferita è Sophia Loren ma non ho modelli a cui m’ispiro. 

Come hai conciliato gli impegni di lavoro con quelli di scuola?
Ho avuto un insegnante, Pino Rocco, che mi ha seguito durante le riprese. Poi sono rientrata a scuola e ho fatto dei test d’ingresso.

Sappiamo che sei appassionata di calcio. Qual è la tua squadra del cuore?
Gioco a calcio, sono l’attaccante del “Napoli Dream Team”. A volte rivesto anche il ruolo di centrocampista. La mia squadra del cuore è il Napoli.

Pozzuoli è la tua città. Qual è la zona a cui sei più affezionata?
Sono affezionata al centro storico di Pozzuoli: è il luogo in cui sono cresciuta.

Hai un’amica geniale?
Ho un’amica del cuore, ma l’amica geniale (ride ndr) sono io.

Il tuo sogno nel cassetto? Cosa ti aspetti dal 2019?
Dal 2019 mi aspetto tanta serenità ma soprattutto spero di continuare questo percorso appena intrapreso.

Ludovica Nasti è seguita dall’agente Sara Martinelli dello Studio Emme S.r.l. che opera con successo dal 1983 nella promozione di attori presso produzioni rivolte al cinema e alla televisione.