Materiale esplosivo sequestrato al porto di Napoli

NAPOLI – Sequestrati di 1.161 colli contenenti 135.447 tra fuochi d’artificio e petardi, per un peso complessivo di circa 23 tonnellate di materiale esplodente classificato “IMO Classe 1^ esplosivi”, occultati all’interno di un container sbarcato in questo porto in data 10 u.s. proveniente dalla Cina, dichiarato contenere giocattoli. A procedere al sequestro il personale di quest’Ufficio, in collaborazione con personale del Nucleo Artificieri della Questura di Napoli, della Dogana e della Guardia di Finanza. L’attività info-investigativa ha permesso di capire che il materiale, risultava essere destinato a Tripoli (Libia), attraverso il porto di Misurata.

PORTO DI NAPOLI CROCEVIA DI CONTRABBANDO – La pericolosità dell’ingente materiale esplodente rinvenuto, costringeva gli operanti ad eseguire le operazioni di verifica e di catalogazione dei pezzi rinvenuti, alla costante presenza dei Vigili del Fuoco, pronti ad intervenire. Il sequestro del materiale esplodente evidenzia come il porto di Napoli sia crocevia di traffici di armi, materiale esplosivo e sostanze stupefacenti.