CAMPI FLEGREI«I dati Istat sull’abbandono scolastico sono allarmanti, specie nel Mezzogiorno: un fenomeno che non conosce battute d’arresto e che contribuisce a spaccare a metà l’Italia. I nostri giovani non credono che quello che studiano potrà aiutarli a trovare lavoro, specie se qui il lavoro continua ad essere merce così rara. E così cercano alternative per il proprio futuro o addirittura sperano in misure assistenziali. Ma un Paese che vuole crescere ed essere competitivo a livello internazionale non si può permettere che quasi 2 giovani su 10 non finiscano neppure la scuola dell’obbligo. Per questo dobbiamo investire su percorsi di istruzione e formazione professionale in grado di creare una sinergia virtuosa tra scuole, università e imprese e che siano capaci di insegnare ai giovani quello di cui le aziende hanno bisogno per crescere sul mercato. Solo così possiamo sperare in una rapida inversione di tendenza. Solo così il capitale umano rappresentato dai nostri giovani potrà diventare valore aggiunto sul mercato e far di nuovo grande l’Italia. Fermiamo gli interventi a pioggia e costruiamo oggi quella scuola di qualità che trasferisca ai nostri ragazzi la certezza di un lavoro di qualità domani». Ad affermarlo in una nota il responsabile delle Politiche per il Sud di Forza Italia Severino Nappi.