BAIA – Un fortino inespugnabile, come lo volle Re Alfonso II d’Aragona nel 1490 per difendere la costa flegrea dalle incursioni saracene. Volendo scomodare la storia oggi come ieri al Castello di Baia non si passa. Nella nuova casa del Rione Terra questa mattina è caduto l’ennesimo avversario: è il Terzigno, sconfitto 3-1 dopo l’illusione del vantaggio. Per i flegrei di Monaco altri 3 punti che allungano la serie di vittorie consecutive, facendo sorridere una classifica che li vede al quarto posto, con 22 punti e a soli tre dalla Frattaminorese (seconda), e in piena zona play off per la promozione in Eccellenza.

LA GARA – Al “Tony Chiovato” di Baia è il Terzigno ad andare in vantaggio al quinto minuto con un gol di Mari. Undici giri di lancette e il Rione Terra pareggia al 16esimo con Corace che su rigore gela il portiere avversario. Palla al centro e dopo appena due minuti arriva bomber Marasco infila il vantaggio. Terzigno tramortito e flegrei che al 26esimo con Corace segnano ancora: serpentina e finte che mettono a sedere in area di rigore 3 calciatori per poi beffare il portiere avversario con uno scavetto. Nella ripresa un Rione Terra guardingo e rinunciatario concede un rigore al Terzigno: sul dischetto va Mari che si fa ipotizzare da un super Navarra che para. E’ l’ultima emozione di una gara condizionata dalla pioggia incessante ma che permette al Rione Terra di continuare a sognare.

LE FOTO DEI PROTAGONISTI