dall’inviato a Gragnano – Al comunale San Michele di Gragnano di scena il Gragnano e la Puteolana per la terza giornata del campionato d’Eccelleza Campania girone A. Diavoli rossi in maglia amaranto scendono in campo in una sorta di 4-3-2-1 con gli esterni Antignano e Panico a supporto dell’unica punta Roberto Palumbo. Il Gragnano in divisa bianca in un classico 4-4-2. Più di 300 i tifosi flegrei che hanno seguito la squadra in trasferta in una tribuna gremita a dispetto del settore di casa deserto, probabilmente, a causa del deludente avvio di campionato del Gragnano. Le due squadre sono quindi chiamate al riscatto dopo le sconfitte nella scorsa giornata di campionato contro Sibilla Flegrea e Afragolese. La Puteolana sembra capirlo subito scendendo in campo aggressiva e padrone del campo con il numero 4 amaranto Rinaldi che diventa da subito il faro del centrocampo dettando i tempi giusti nell’impostazione di gioco con rapidi capovolgimenti di fronte e spazi per la manovra esterna che manda più volte al cross le due frecce granata Sardo e Marseglia. Al ‘4 minuto ospiti subito pericolosi con Panico che pesca in area Roberto Palumbo, questi calcia dalla destra un diagonale potente ma il Portiere del Gragnano Marino, vecchia conoscenza amaranto, respinge. Padroni di casa in estrema difficoltà che non riesce a fronteggiare il giro palla ospite e gli inserimenti dei due esterni.

POSSESSO E CONTROLLO –  Bisogna attendere 10 minuti di gioco per il primo tiro verso la porta flegrea; ci prova Visconti ma il suo sinistro è altissimo sopra la traversa. Ci provano ancora i gialloblè in uno scambio veloce tra De Angelis e Padovano che porta quest’ultimo ad una conclusione che non impensierisce il portiere della Puteolana Ferrara. La musica non cambia, gioco completamente in mano agli uomini di Ciaramella che al 26′ minuto vanno di nuovo vicinissimi al vantaggio: Antignano porta palla alla trequarti vede il taglio del n°9 Palumbo e lo serve in profondità; l’attaccante amaranto lascia partire il destro sul quale Marino compie per due volte un vero e proprio miracolo sul tiro e sul tap-in dello stesso Palumbo che si ritrova la palla sui piedi sulla respinta del portiere. Nulla di fatto, risultato invariato, ma difesa del Gragnano in bambola. Passano infatti soltanto tre minuti ed un lancio dalla difesa amaranto mette Panico a tu per tu con Marino, il numero 10 lo supera con un sombrero ma calcia sorprendentemente a lato. De Angelis non ci sta a fare la comparsa e prova in ogni modo a tenere vivo il gioco del Gragnano. Al 35′ ci prova su punizione dal limite palla che finisce sul palo esterno alla sinistra di Ferrara, comunque vigile sulla traiettoria. Ma è ancora una volta la Puteolana ad essere pericolosa: al 38′ cross per Palumbo che impatta di testa ma stavolta trova la traversa a negargli il gol del vantaggio. Si conclude così un primo tempo ricco di emozioni con una Puteolana molto emotiva e poco cinica che trova però l’estremo difensore Marino in di giornata di grazia. Inizia il Secondo tempo, cambiano i versanti d’attacco ma non i valori in campo.

EMOZIONI – Il secondo tempo si apre così come si erano conclusi i primi 45 minuti di gioco. Forcing della Puteolana che premia i calciatori granata; al ‘2 minuto Palumbo approfitta di un’errata respinta della difesa e mette in rete con un tiro di destro dal vertice sinistro dell’area piccola sul quale stavolta Marino non può nulla: 1-0 e palla al centro. Dopo il vantaggio, la Puteolana sembra rilassarsi ed adagiarsi sul risultato non ancora acquisito; concede campo ed i padroni di casa riescono ad agguantare il pareggio al 12′ con un colpo di testa del n’6 Rinaldi, ex della partita, che sorprende il portiere con un colpo di testa su un crossa dalla trequarti destra del campo. Il difensore del Gragnano festeggia il goal sotto la curva ospite in modo provocatorio suscitando le reazioni della tifoseria ospite e partita che inevitabilmente si fa più nervosa. Il Gragnano sembra far tesoro del pareggio raggiunto e si chiude sulla difensiva cercando di sfruttare le ripartense. Le azioni offensive del Gragnano non impensieriscono i superlativi Follera-Posillipo; coppia chiamata a guidare la retroguardia granata. 38’ minuto, Mister Ciaramella gioca il jolly, fuori Panico dentro il neo acquisto Braian Volpini. Passano soltanto due minuti e l’argentino ripaga la fiducia dell’allenatore presentandosi così alla tifoseria: progressione sulla sinistra e dipinge un cross di sinistro che sorprende l’intera difesa gialloblè trovando la testa di Francesco Palumbo che deve solo appoggiarla in rete. Nulla di più semplice per il bomber granata che ringrazia e regala così la vittoria alla Puteolana.

LE PAROLE DEL CAPITANO – Una vittoria sofferta ma tutto sommato meritata per gli amaranto che quando decidono di giocare al calcio dimostrano d’essere di altro spessore rispetto ai padroni di casa. Una Puteolana poco cinica che fa la partita e la compromette ritrovando la vittoria in extremis. Buona la prova degli under La Pietra e Antignano. A fine partita il capitano Follera si concede ai nostri microfoni per una battuta sulla partita: «Abbiamo concesso troppo, ma meritavamo la vittoria. Siamo stati troppo sfortunati nel primo tempo ma bravi nel creare tantissime occasioni da goal. Alla fine sono emersi i veri valori in campo; la voglia, la determinazione hanno contribuito alla vittoria. Un plauso a questo pubblico: è la nostra forza».