BACOLI – La pandemia da Covid-19 sta causando danni anche al territorio di Bacoli. Oltre all’emergenza di carattere epidemiologico, la temporanea chiusura di tante attività commerciali sta provocando una notevole sofferenza sociale nella città. Da qui il programma di aiuti che l’amministrazione comunale, anche in collaborazione con il III Settore, pur nelle gravi difficoltà recate dal dissesto, ha attivato e sta attivando in favore dei cittadini in difficoltà. Con una variazione di bilancio, sono state finanziate diverse iniziative, quali: i contributi economici a sostegno delle famiglie in difficoltà e a cittadini indigenti per una somma complessiva di euro 60.000, attraverso un avviso pubblico disponibile sul sito del Comune; l’attivazione di uno Sportello Ascolto, individuando professionisti che possano fornire il proprio contributo, attraverso un avviso pubblico disponibile sul sito del Comune. Inoltre sono appena stati accreditati circa 230.000 dallo Stato per “buoni spesa”, per i quali attiveremo procedura simile a quella dello scorso mese di aprile.

LE INIZIATIVE – «Abbiamo, poi, riproposto il “Carrello solidale” o “Spesa solidale” e la colletta farmacologica che consente a chi va a fare la spesa o in farmacia di donare un prodotto a chi non è in grado di acquistarlo ed il giovedì di ogni settimana con i pullmini del Comune li ritiriamo. A tal proposito nella giornata di venerdì abbiamo lavorato le richieste della settimana-una settantina- e siamo riusciti a recapitare generi di conforto a chi ne aveva necessità», fanno sapere gli assessori Lucia Basciano e Mariano Scotto di Vetta, rispettivamente con le deleghe alle Politiche Sociali e alla Partecipazione. Nella giornata di giovedì due imprenditori cittadini hanno anche donato al Comune dei “buoni spesa”.