auto_blu_bacoli

BACOLI -. Ci sono vicende nelle quali la verità non sta nel mezzo, sta da una parte o dall’altra. Una di queste è quella che riguarda l’auto blu del Comune di Bacoli. Il sindaco Josi Della Ragione ha annunciato che la vettura è tornata da dove era venuta, e cioè dalla ditta di noleggio dalla quale era stata presa in fitto nel 2010.

RESTITUITA O PRELEVATA? – «Oggi siamo riusciti a far tornare al mittente l’auto blu in fitto, con 10 mesi di anticipo» ha scritto il primo cittadino bacolese sulla propria pagina Facebook, ricordando come il contratto scadesse nel febbraio del 2017. Ma è andata proprio così? L’auto blu costa 780 euro al mese. E le ultime tre rate, dunque relative agli ultimi tre mesi, non sono state pagate. Il motivo? Il Comune, e non è una novità, non ha liquidità in cassa. E per tre mesi l’auto è rimasta nella disponibilità del Comune senza che alla ditta di noleggio venisse pagato il corrispettivo. E così, quella Volkswagen Passat, sono venuti a prendersela. Con tanto di battuta ironica da parte di chi fosse stato incaricato del “recupero”: «Ma almeno benzina ce ne sta?». Il sindaco Della Ragione poi spiega: «Visto le condizioni finanziarie del Comune, devo decidere a chi dare la priorità. Non stiamo pagando nessun fornitore, vengono prima gli stipendi dei dipendenti». Come dargli torto.

SCELTA OBBLIGATA, NON POLITICA – Eppure, come confermato dalla stessa fascia tricolore, la situazione economica è arcinota. E a bastonare ulteriormente il Comune ci pensano anche altri «Da una parte la Corte dei Conti chiedeva misure lacrime e sangue per la collettività – aggiunge – e dall’altra il governo locale continuava a far pagare alla popolazione i propri benefit». Benefit che però da tre mesi non venivano pagati, senza che il “bene”, però, fosse nella disponibilità del vero proprietario. «Saranno pagati, c’è l’impegno di spesa» spiega ancora Della Ragione. Dunque tre mesi non pagati. Per scelta politica? No, a questo punto la risposta è semplice: per scelta obbligata. Soldi non ce ne sono e la ditta di noleggio è venuta a riprendersi l’auto. Molto semplice. Che è un po’ diverso dal “far tornare al mittente”. Dunque, dove sta la verità?