BACOLI – A partire da domani (venerdì 6 agosto) e per tutti i fine settimana dei mesi di agosto e settembre, dalle ore 17:00 del venerdì alle ore 6:00 del lunedì, il porto di Baia sarà interdetto al traffico veicolare. Un’area pedonale su via Molo di Baia, in cui il transito sarà consentito soltanto ai mezzi autorizzati, i mezzi di soccorso, delle forze dell’ordine, del personale appartenente ai Comandi Guardia Costiera, Guardia di Finanza e Dogana, automezzi per il trasporto dei prodotti della pesca e dei mitili ed i mezzi di carico e scarico delle merci e delle attrezzature delle attività commerciali presenti nell’area portuale. Al tempo stesso, fino al 30 settembre 2021, è disponibile un’area parcheggio alternativa aperta H24 presso l’ex stabilimento navale “Cantieri di Baia” sito in Via Lucullo nei pressi dell’IRSVEM aperta a tutti, compresa l’utenza residenziale, a prescindere se in possesso o meno del permesso di sosta a pagamento (bollino strisce blu).

LA SODDISFAZIONE – “Ce l’abbiamo fatta – afferma il Sindaco Josi Gerardo Della Ragione – Liberiamo il porto di Baia dalle auto per aprirlo ai bambini, alle famiglie, agli anziani, ai turisti, alle attività commerciali. Sarà pedonalizzato tutti i fine settimana di agosto e settembre e senza disagi. Perché, a pochi metri, apriamo un parcheggio con centinaia di stalli di sosta. Negli ex Cantieri Navali. È una notizia storica. Uno spazio enorme, inutilizzato da anni, che ci permetterà di raddoppiare il numero di aree per sostare auto e moto. Il parcheggio sarà gratuito per i residenti, per i portatori d’handicap. E sarà accessibile a tutti. Per tutto il fine settimana. Sarà controllato, sarà curato. È una grande conquista. Perché, per la prima volta, il Comune di Bacoli mette piede nell’area cantieristica di Baia. Una fascia litoranea da valorizzare. E che deve rappresentare, presto, un volano economico per lo sviluppo turistico della città. Ringrazio la Capitaneria di Porto di Baia e la Regione Campania per aver, insieme agli organi giudiziari preposti, liberato gli ex Cantieri Navali. Proprio di fronte alla scuola. Un’operazione durata anni, e che oggi ci permette di aprire quel cancello sbarrato dai sigilli. Restituendo al popolo un bene di sua proprietà. Una bellissima sinergia istituzionale, che porta vantaggi a tutti”.