antennaBACOLI – Ancora polemiche attorno ai ripetitori per la telefonia mobile installati su Villa Cerillo a Bacoli. È notizia di queste ore la notifica da parte degli avvocati Giacomo Perreca e Rosa Capuano di un atto ufficiale al Comune di Bacoli con cui si chiede: l’immediata rimozione dei dispositivi; la revoca «della delibera del 19 luglio scorso in quanto palesemente illegittima ed in aperta violazione del Regolamento, e di risolvere il contratto stipulato il 21 luglio scorso con la Società Vodafone Omnitel; pubblicare sul sito istituzionale del Comune il contratto di locazione». Alla base dell’iniziativa dei due avvocati ragioni prettamente di inquinamento elettromagnetico, sia motivazioni di carattere strettamente architettonici mancando – secondo Perreca e Capuano – le dovute autorizzazioni da parte della sovrintendenza.

IL CASO – Notizia nella notizia è che l’avvocato Giacomo Perreca è padre del consigliere di maggioranza e vice capogruppo di Freebacoli in consiglio comunale Dario Perreca, uno degli elementi più influenti del movimento politico bacolese. Una situazione che pare stia creando un certo imbarazzo all’interno dell’Amministrazione comunale e nel movimento civico.

IL PD – «E’ evidente che quella del PD non è una polemica strumentale, come ebbe a definirla il sindaco Josi Della Ragione, ma una lotta a difesa della legalità e della salute dei cittadini» ha affermato il segretario del Partito Democratico di Bacoli, Michele Amirante.