BACOLI – Archeolinea è il nome di una tratta che via mare collega Bacoli e il litorale dei Campi Flegrei con la Costiera Amalfitana e la Penisola Sorrentina. Un nome che tiene conto delle tipicità storiche ed archeologiche che accomuna tutta la fascia costiera che va da Capo Miseno alla marina di Amalfi. Una doppia linea grazie alla quale è possibile salire a bordo dell’Alilauro, la compagnia titolare del servizio di trasporto promosso dalla Regione Campania, dal porto di Baia (a Bacoli) e arrivare fino ad Amalfi con fermate previste lungo la tratta a Pozzuoli, Napoli (Molo Beverello), Torre Annunziata, Castellammare di Stabia, Seiano, Sorrento e Positano. Ciò vale anche viceversa, ovvero partendo dal capolinea di Amalfi per poi approdare a Bacoli. Oltre 100 chilometri di fascia costiera coperti da un servizio che, attivo dal martedì al venerdì e fino al 31 agosto 2019, offre diversi vantaggi (e risparmio, in termini economici) sia per chi da Bacoli vuol raggiungere una delle fermate dell’Archeolinea sia per coloro che da Napoli centro e dall’area sud vogliono raggiungere con maggiore comodità il litorale flegreo e, in particolare le spiagge di Capo Miseno e Miliscola.