POZZUOLI – Vendeva in un carretto improvvisato triglie, alici, calamari, seppie, vongole e telline il 53enne di Pozzuoli fermato e denunciato dalla capitaneria di porto di Formia. L’uomo, di cui sono state rese le iniziali B.A., è stato intercettato tra i bagnanti lungo il litorale di Gianola mentre trasportava con un carretto circa 35 chili di pesci all’interno di cassette di polistirolo e contenitori in materiale plastico sotto il sole, sulla battigia tra gli ombrelloni.

PESCE FUORILEGGE – La vendita avveniva all’interno di mezzo non idoneo igienicamente, in totale assenza dei documenti comprovanti la tracciabilità del prodotto stesso, senza autorizzazione alla commercializzazione su aree demaniali marittime oltre che senza alcun rispetto dei previsti requisiti igienico sanitari. Nei confronti del 53enne sono state contestate due sanzioni amministrative, una di 5.164 euro per la mancanza di autorizzazione al commercio su aree demaniali ed un’altra di 1.500 euro per la mancata tracciabilità del prodotto ittico, oltre che il sequestro del pescato.