POZZUOLI – Taglio del nastro questa mattina a Pozzuoli per la nuova nave “Leonardo Da Vinci”, posacavi più grande al mondo e ammiraglia della Prysmian Group. Alla cerimonia, presieduta dall’amministratore delegato dell’azienda Valerio Battista, hanno partecipato anche il governatore della Campania Vincenzo De Luca e il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia. La nave il prossimo 27 marzo salperà dal porto di Pozzuoli alla volta del Mare del Nord, dove tra Danimarca e Regno Unito poserà il cavo sottomarino Viking, lungo 1836 e realizzato nello stabilimento Prysmian di Arco Felice.

 

LA NAVE – Con una lunghezza di circa 170 metri e un’ampiezza di circa 34 metri, la Leonardo da Vinci è stata concepita per essere la nave posacavi più performante presente sul mercato e garantirà maggiore capacità e versatilità nella realizzazione di progetti grazie a funzionalità avanzate quali: capacità di installazione in acque profonde a più di 3.000 metri anche grazie a una tecnologia in cavo di nuova generazione, dotata di un’armatura più leggera; velocità massima superiore ai 14 nodi; 2 caroselli da 7.000 e 10.000 tonnellate che garantiscono la più elevata capacità del mercato permettendo di ridurre i tempi di trasporto dalla fabbrica al sito, migliorando quindi l’efficienza di progetto complessiva; due linee di posa indipendenti per incrementare la flessibilità operativa; forza di traino superiore a 180 tonnellate che permette di eseguire operazioni di installazione complesse supportando una serie di sistemi e attrezzature per l’interro quali l’aratro sottomarino e l’Hydroplow. La nave sarà inoltre dotata di sistemi all’avanguardia DP3 per il posizionamento e la tenuta in mare, mentre la configurazione del motore e della propulsione è stata specificatamente progettata per assicurare un ridotto impatto ambientale. Tutte le attrezzature per la movimentazione e l’installazione dei cavi sono state progettate da Prysmian.

AMMIRAGLIA – La flotta attuale di Prysmian composta da tre navi posacavi, Giulio Verne, Cable Enterprise e Ulisse, unita alla più ampia gamma di attrezzature altamente tecnologiche per l’installazione e l’interro, quali gli Hydroplow, gli aratri HD3 e le macchine Post Lay Burial (Sea Mole, SeaRex e Otter), è già tra le più tecnologicamente avanzate al mondo. Questo nuovo asset strategico consoliderà la leadership del Gruppo nel settore dei cavi e sistemi sottomarini e incrementerà la capacità delle operazioni relative ai cavi sottomarini grazie all’internalizzazione delle attività di installazione, assicurando al contempo la puntualità nella consegna e nell’esecuzione dei progetti.