NAPOLI – È stato un crescendo quello della Federazione Ginnastica d’Italia nell’Universiade in programma a Napoli dal 3 al 14 luglio, nello splendido PalaVesuvio rimesso a nuovo per l’occasione. Dopo il 4° posto della squadra maschile, composta da Andrea Russo, Stefano Patron e Marco Sarrugerio, guidata da Paolo Pedrotti e lo storico bronzo conquistato dalla squadra femminile, composta da Carlotta Ferlito, Lara Mori e Martina Rizzelli, guidata da Stefania Bucci, sono state le stesse Lara Mori e Carlotta Ferlito a salire sul podio individuale entusiasmando il caloroso pubblico che gremiva l’impianto partenopeo. Medaglia d’argento per Lara Mori alla trave e, infine, medaglia d’oro al corpo libero per Carlotta Ferlito, salita così sul gradino più alto del podio, nella 30esima edizione estiva dei Giochi Mondiali Universitari, in un tripudio di bandiere tricolori. «Quella della Ginnastica è stata una grande risposta a quanti hanno creduto nell’Universiade di Napoli – ha dichiarato il Vice Presidente federale e Capodelegazione FGI al PalaVesusio, Rosario Pitton – lo spettacolo offerto, il folto pubblico presente e le tre medaglie vinte premiano la Federginnastica nel 150° anniversario della sua fondazione e la squadra organizzatrice messa in campo, coordinata dalla Competition Manager Cristina Casentini. È stata, inoltre, la conferma che a Napoli tutto è possibile se si attuano le giuste sinergie» – ha concluso Pitton.