POZZUOLI – «He is found!!!!!». Con questo messaggio Naomi Boonen ha comunicato al nostro giornale il ritrovamento del camper rubato domenica scorsa alla sua famiglia nei pressi dell’Anfiteatro Flavio di Pozzuoli. Il mezzo è stato rinvenuto nel pomeriggio di ieri (giovedì 12 settembre) dai carabinieri della sezione radiomobile di Giugliano in un terreno abbandonato nei pressi dell’Asse Mediano. Nella giornata di mercoledì il mezzo era stato segnalato nei pressi dell’ingresso del cimitero di Quarto.

IL FURTO – L’incubo per la ragazza e i suoi genitori era iniziato alle 15 di domenica, dopo una sosta per bere una birra in un bar in via Terracciano. Pochi minuti e il camper con targa belga e stemma del Club Brugge veniva scassinato e rubato. Insieme alla casa mobile i ladri portavano via anche un notebook, due navigatori satellitari, una fotocamera e capi di abbigliamento. Dopo i primi momenti di incredulità e disperazione alla famiglia Boonen, rimasta senza più nulla, non restava altro che denunciare i fatti presso la compagnia carabinieri di Pozzuoli e fare ritorno a casa con un volo aereo messo a disposizione dalla compagnia di assicurazione.

LA DENUNCIA – Ma, all’indomani dell’arrivo in Belgio, iniziava la ricerca attraverso i social: Naomi postava su Facebook il racconto dei fatti accaduti a Pozzuoli, lanciando l’sos in tre lingue diverse  accompagnato da foto e da una minuziosa descrizione del mezzo. In poche ore la notizia faceva il giro della rete dando vita a una “caccia al camper” che si è conclusa, dopo 4 giorni, nel pomeriggio di ieri quando i carabinieri hanno rinvenuto il mezzo in un’area ricoperta da erbacce e sterpaglie.