Il Waterfront flegreo

POZZUOLI – Tiene ancora banco in città il tema della riqualificazione della linea di costa della zona “ex Sofer”. Il così detto “progetto Waterfront”, che dovrebbe prevedere un mega centro commerciale nella zona interessata, è ancora oggetto di dibattito e discussione in città. Ad intervenire sul tema anche il sindacato dei pensionati, lo SPI-CGIL di Pozzuoli. «Crediamo che la discussione con il sindacato generale su questo tema sia fondamentale – si legge da una nota del sindacato – non abbiamo nessun pregiudizio, né siamo di parte ma riteniamo che ci debba essere una convocazione del sindacato unitario, al fine di salvaguardare l’occupazione che già c’è in quell’area come la fabbrica della Prysmian, e per non danneggiare il piccolo commercio che c’è nel centro storico di Pozzuoli». 

L’APPELLO – «In quell’area – afferma Salvatore Palmese, segretario cittadino dello SPI-CGIL – non dobbiamo dimenticarci che sono morti tanti lavoratori, a causa dell’amianto. Per questo una delle cose principali sarà parlare anche di bonifica. Il sindacato non è tenuto a stabilire cosa bisogna fare nell’area ex Sofer, ma facciamo appello al sindaco ed a tutta la cittadinanza affinché i discuta su questa parte di territorio. In questa discussone – conclude Palmese – crediamo sia fondamentale che venga convocato il sindacato generale, affinché il progetto waterfront venga sostenuto anche dalle parti sociali»