POZZUOLI – Dopo la truffa dello specchietto, del falso avvocato che spilla soldi per incidenti mai avvenuti e del più classico del “paccotto”, ora è arrivata persino la truffa dell’aspirapolvere. Per intenderci, parliamo di un elettrodomestico di qualità e di sicuro non tra i più economici, conosciuto da tutti come il “Folletto”. Un marchio che da sempre utilizza come sistema di vendita il porta a porta. Ed è stata proprio con una bussata alla porta di un’anziana donna che si è consumata l’ultima truffa. A casa di una 80enne residente in via Solfatara si è presentato un uomo, evidentemente ben informato circa la presenza in casa dell’aspirapolvere.

LA TRUFFA – Le ha detto che quell’elettrodomestico, oramai vecchio di qualche anno, l’avrebbe potuto sostituire con un ultimo modello, con una spesa relativamente irrisoria: appena 190 euro. L’unica incombenza da parte della donna sarebbe stata quella di privarsi per qualche giorno dell’aspirapolvere in modo da consentirne la stima da parte dagli “esperti”. E così non ci ha pensato su due volte, consegnando al falso addetto alle vendite il prezioso strumento per la pulizia della casa. Quella sarebbe stata l’ultima volta che l’avrebbe visto, dal momento che entrambi – elettrodomestico e truffatore – sarebbero scomparsi senza più fare ritorno dall’anziana.