POZZUOLI – I familiari, gli amici e i clienti sono ancora increduli. La morte di Carmine D’Isanto ha sconvolto proprio tutti. Il titolare dell’officina “Disamoto” è deceduto lunedì mattina all’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli in seguito ad un incidente stradale. Lo scontro, risultato fatale al 39enne puteolano, è avvenuto giovedì scorso in via Montenuovo Licola Patria. Un impatto violento: Carmine è arrivato incosciente al pronto soccorso della “Schiana” ed è stato poi sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Il meccanico, sposato e padre di tre figli, non ce l’ha fatta ed è stato strappato via all’affetto dei suoi cari. Il pubblico ministero ha disposto il sequestro della salma e il suo trasferimento al Centro di medicina legale del II Policlinico di Napoli per l’autopsia. Dopo l’esame il corpo sarà restituito ai parenti per l’ultimo saluto in chiesa.

IL RICORDO – «Avremo giorni da vivere e tu vivrai in ogni singolo giorno. Avremo attimi in cui rideremo e penseremo a te che avevi sempre il sorriso stampato sul viso. Vivrai sempre perché vivi nei nostri ricordi. Resterai sempre nei nostri cuori», si legge su uno striscione realizzato dagli amici. Venerdì Carmine D’Isanto avrebbe compiuto 40 anni. Un altro cartello con foto e dediche è stato affisso all’ingresso dell’officina del meccanico puteolano.