POZZUOLI – Otto incendi in 24 ore: è questo il bilancio dell’ultimo week-end. Dopo Monterusciello domenica mattina i piromani hanno colpito anche Licola, dove un rogo è divampato lungo via Domitiana. L’innesco è avvenuto in via del Cantiere, dove sono stati incendiati rifiuti e canneti. In poco tempo le fiamme hanno raggiunto la strada e alcune abitazioni. Tanta è stata la paura per i residenti, preoccupati anche dal forte vento che a più riprese ha alimentato il rogo: le fiamme hanno lambito una palazzina e un parcheggio di auto e autobus in via dei Platani, quest’ultimo evacuato dai gestori. I residenti hanno cercato di domare le fiamme con mezzi propri, evitando che il fuoco raggiungesse altri mezzi e alcuni pneumatici.

I residenti mentre cercano di domare le fiamme con mezzi propri

STRADA CHIUSA – Per motivi di sicurezza la Domitiana è rimasta chiusa per 5 ore e il traffico è stato dirottato lungo via dei Platani. Sul posto sono giunti i Vigili del fuoco, Polizia Municipale, Protezione civile, Carabinieri e tecnici del comune di Pozzuoli insieme al vicesindaco Zabatta. L’incendio è stato domato dopo circa 2 ore, dopo che le fiamme a più riprese hanno provocato diversi focolai sempre nello stesso terreno che costeggia il tratto di Domitiana compreso tra l’incrocio con Licola Mare e il ponte che sovrasta via delle Colmate. La strada, ricoperta dai detriti, è stata riaperta solo dopo l’intervento di pulizia e la totale messa in sicurezza.

Via Domitiana chiusa dalla Polizia Municipale

I PIROMANI – A Licola come a Monterusciello (dove i focolai in totale sono stati 7) la matrice sembra essere di natura dolosa: qualcuno, a più riprese e in vari punti, del quartiere ha appiccato il fuoco a canneti, sterpaglie e sottobosco all’interno dei quali sono state rinvenute grosse quantità di rifiuti, in particolare lungo la Domitiana: ciò ha reso l’aria irrespirabile per tutta la giornata.