Il Carpe Diem di Lucrino
POZZUOLI –  È il “Carpe Diem”, locale di Lucrino, la prima “vittima” dell’ordinanza sindacale entrata in vigore venerdì scorso per una movida dolce. Gli agenti della Polizia Municipale di Pozzuoli, diretti dal comandante Carlo Pubblico, hanno messo a segno un blitz notturno nei locali e nelle discoteche della movida puteolana che d’estate sono letteralmente presi d’assalto dai giovani flegrei. Nel mirino dei caschi bianchi è finito il locale di Lucrino sanzionato in quanto erano stati rimossi i limitatori sonori dalle apparecchiature acustiche: multa e sequestro dei dispositivi elettronici. Quindi, tutti a casa all’una.
IL CONTROLLI –  Ora la segnalazione verrà comunicata agli uffici dell’Annona per la sanzione accessoria. Durante la serata, i controlli hanno interessato anche altri locali dell’area flegrea nella zona compresa tra Arco Felice, Lucrino e l’area di Pozzuoli: tutti gli esercizi “visitati” dalla Municipale sono comunque risultati in regola con le disposizioni previste dalla nuova ordinanza sindacale. La normativa riguarda l’introduzione di limitazioni delle emissioni acustiche e sonore, un provvedimento che si era reso necessario dopo le lamentele dei residenti di alcune zone maggiormente sensibili al caos della movida flegrea.
REDAZIONE