di Angelo Greco

L'interno dell'Anfiteatro Flavio
L’interno dell’Anfiteatro Flavio

POZZUOLI – Pasqua bagnata, Pasqua fortunata? Certamente non lo è stata per l’apertura gratuita dell’Anfiteatro Flavio di Pozzuoli. Non solo la pioggia battente ha fortemente limitato l’afflusso di visitatori ma ha anche impedito, a chi ha sfidato la pioggia e le temperature non certo primaverirli, di visitare la cosa più preziosa dell’antica arena romana, i sotterranei.

 

SOTTERRANEI – Allagati i sotterranei, la pioggia battente della mattina di Pasqua ha riempito i sotterranei dell’Anfiteatro Flavio prescrivendone la visitabilità. Visita a metà dunque per chi ha voluto sfidare il clima e raggiungere forse il sito romano simbolo di Pozzuoli e di tutti i Campi Flegrei. Per la giornata di ieri l’ingresso all’Anfiteatro era gratuito in linea con la volontà del ministero dei beni culturali che vuole l’ingresso libero ai musei italiani nelle prime domeniche del mese.

 

ERA LA PRIMA – Quella di ieri era la prima domenica ad ingresso libero per l’Anfiteatro Flavio che aderirà completamente alla campagna ministeriale solo dalla prossima estate. Una prova generale troppo bagnata dalla pioggia che non ha potuto regalare le emozioni che in tanti si aspettavano. Appuntamento, per il prossimo ingresso gratuito alla prossima estate, sperando nella benevolenza di “Giove Pluvio”