La Puteolana dovrà fare a meno di Napolitano per la gara di domenica con il Grottaglie

NAPOLI – Le gare durano 90′ è una delle massime più vecchie del mondo del calcio e così la Puteolana prende gol nel finale e si becca anche due espulsioni che complicheranno i piani per domenica prossima contro il Grottaglie.

LA PARTITA – Gara equilibrata avara di emozioni con un primo tempo che vede i padroni di casa che cercano di prendere l’iniziativa senza creare però particolari pericoli dalle parti di Alcolino. I granata pur rischiando pochissimo sono non pervenuti e sembrano essere la brutta copia di quelli visti al Conte contro il Bisceglie. La ripresa è dissimile dalla prima frazione solo per la maggior intraprendenza dei ragazzi di Sorrentino che però non creano nulla di trascendentale. La gara è così incamminata verso un giusto pareggio. Sorrentino fa esordire Pisani che entra a 10′ dalla fine al posto di Riccio, un altro cambio di Sorrentino vede fuori a sorpresa Letizia per Lepre. A 5′ dal termine ecco la doccia gelata, calcio di punizione dai 20m per i padroni di casa sul pallone ci va l’ex Sibilla e Monte di Procida Di Matteo, “Harry Potter” finge il tiro e serve Carnicelli che da solo davanti ad Alcolino lo beffa. Le cattive notizie non finiscono qui. Napolitano 2′ dopo il gol entra in area e va giù per l’arbitro è simulazione ed ammonisce per la seconda volta il 7 granata che viene espulso, troppo vivaci le proteste di Lepre che viene anche lui allontanato dal direttore di gara. La Puteolana finisce in 9 e perde due uomini anche in vista della partita di domenica con il Grottaglie.

LA CURIOSITA’ – La rete all’85’ del Campania sa due volte di beffa per i granata. Non solo la Puteolana si trova a perdere una gara che forse avrebbe meritato di pareggiare ma il gol che decide la gara porta la firma di Raffaele Carnicelli. L’attaccante che ha deciso la gara di oggi pomeriggio si è allenato a lungo con i granata di Sorrentino, un lungo periodo di prova che è terminato quando l’attaccante del Rione Sanità si è accasato prima a Sant’Antonio prima di arrivare ad indossare la maglia bianca del Campania.

ANGELO GRECO