BACOLI – La direzione centrale della finanza locale, presso il dipartimento per gli affari interni e territoriali del Ministero dell’Interno, ha reso noto al Comune di Bacoli ed alla Prefettura di Napoli che la commissione per la stabilità finanziaria degli enti locali, nella seduta del 29-10-2019, all’unanimità ha espresso parere favorevole, con prescrizioni, all’approvazione dell’ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato, per l’anno 2018, presentata dallo stesso Comune di Bacoli. Il provvedimento ministeriale è stato trasmesso all’ufficio protocollo del Comune di Bacoli in data 04-11-2019.«E’ un passo avanti fondamentale per affrontare e superare il dissesto. In questi primi mesi avevamo deciso di portare avanti il lavoro iniziato con la gestione prefettizia, presentando più volte alla Commissione per la stabilità finanziaria degli enti locali, a Roma, le azioni messe in campo ed i risultati che stiamo ottenendo dalla lotta ai grandi evasori – dichiara il sindaco Josi Gerardo Della Ragione – . Quest’approvazione, votata all’unanimità dalla commissione, ci spinge ad insistere su questa strada. Non è facile governare una città dissestata. Lo sappiamo. Ma non è neanche impossibile».

IL COMMENTO – Sulla stessa lunghezza d’onda l’assessore alle Finanze, Rosaria Di Meo: «Il bilancio stabilmente riequilibrato è una ipotesi redatta dalla gestione commissariale, tuttavia esprimiamo grande soddisfazione perché frutto di diversi incontri fatti al ministero. Siamo riusciti a trasmettere alla commissione non solo dati numerici riguardanti i provvedimenti adottati ma anche la nostra convinzione e determinazione con cui intendiamo portarli avanti. Alla commissione abbiamo evidenziato sia la ridefinizione della pianta organica e la volontà di esternalizzare servizi non strettamente necessari. Abbiamo, inoltre, fornito i dovuti chiarimenti ed integrazioni, e le prescrizioni a cui fanno riferimento in questa approvazione unanime non sono altro che l’insieme dei comportamenti e degli intendimenti che il Comune dovrà tenere nei prossimi anni, i quali sono in linea con quelli che sono i nostri obiettivi, ovvero accelerando sulle entrate tributarie ed extra-tributarie, incrementando la percentuale di riscossione e monitorando le spese correnti. C’è grande soddisfazione soprattutto perché ora abbiamo finalmente una guida. Ora non resta che approvare i bilanci consuntivi 2017 e 2018 che, pur non riguardando il nostro operato, non erano stati ancora approvati».