POZZUOLI – Il sinistro era avvenuto la tarda sera del 29 gennaio, all’interno della galleria “Capodimonte”, nella carreggiata della Tangenziale di Napoli che da Capodichino conduce a Pozzuoli. A seguito dell’intervento, immediatamente dopo l’incidente, gli agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Fuorigrotta sul posto soccorrevano gli occupanti di una Lancia Musa, una coppia di genitori con una figlia minore a bordo, tutti rimasti feriti a seguito del tamponamento subito da un’autovettura non identificata, il cui conducente si dileguava, repentinamente, senza prestare soccorso.

LE INDAGINI – I poliziotti intervenuti sul luogo dell’evento, cristallizzavano la scena dell’incidente, raccogliendo tutti gli elementi utili al fine di identificarne il responsabile. Dalla visione delle immagini delle telecamere di videosorveglianza, si riusciva solo ad accertare la tipologia di veicolo del fuggitivo. Ma a seguito di incessanti indagini, eseguite dalla Sottosezione Autostradale della Polizia Stradale di Fuorigrotta, alle dipendenze della Sezione della Polizia Stradale di Napoli, gli investigatori accertavano che il responsabile di questa grave condotta era uscito dalla Tangenziale, al primo svincolo utile di “Capodimonte”. Pertanto, giungevano alla identificazione di G.F. di 39 anni.

LA DENUNCIA – Il giovane, dopo aver ammesso le proprie responsabilità, veniva deferito all’Autorità Giudiziaria per i reati di fuga ed omissione di soccorso, con ritiro della patente di guida ai fini della sospensione e sanzionato per l’avvenuta scadenza di validità del medesimo titolo.