Davide Secone capogruppo di “Un’altra città”

QUARTO – Una commissione consiliare straordinaria per discutere dei progetti che interesseranno la città sul fronte urbanistico. A farsi portavoce di questa proposta è stato il gruppo consiliare “Un’altra città” che ha protocollato una mozione per la costituzione di questo nuovo organo. Sotto i riflettori il Piano urbanistico comunale, strumento di gestione del territorio comunale, composto da elaborati cartografici e tecnici oltre che da normative (legislazione urbanistica ndr) che regolano la gestione delle attività di trasformazione urbana e territoriale del Comune di pertinenza. L’opposizione chiede a gran voce la nascita di una commissione costituita da tutte le forze politiche che oggi siedono in consiglio comunale e che vada a coinvolgere anche i cittadini.

LA MOZIONE – «Costituire una commissione consiliare su questo tema oggi significa costruire un processo,  significa dirigere un processo di trasparenza e partecipazione, significa fare politica e non affidare nelle mani di un tecnico o burocrate, magari non del nostro territorio, le scelte che andranno a ricadere su tutti noi cittadini per i prossimi venti anni. Costituire una commissione consiliare sul Puc, significa non chiudersi nelle stanze dei bottoni, ma aprire un dibattito vero e costruttivo che è mancato durante tutto il processo che arriva alla dichiarazione di dissesto finanziario – affermano i firmatari della proposta – . Costruire una commissione consiliare significa partecipare attivamente e dirigere l’edificazione sfrenata dei nostri territori. Costituire una commissione consiliare significa muovere un primo e timido passo verso la costruzione di un’altra città».