HP Comune di Pozzuoli (4)
Continua la vertenza Hp

POZZUOLI«Occorre mantenere attivo il sito HP di Pozzuoli e garantire i livelli occupazionali per impedire la desertificazione produttiva di una zona socialmente già problematica. Per fare ciò bisogna intervenire sulle scelte di delocalizzazione dell’HP, in considerazione del fatto che essa riceve commesse da pubbliche Istituzioni». Lo chiedono in un’interrogazione ai Ministri dello sviluppo economico e del lavoro e delle politiche sociali i senatori di Sel, Giovanni Barozzino e Peppe De Cristofaro.

A RISCHIO 161 LAVORATORI – «La multinazionale statunitense – proseguono i senatori di SEL – ha annunciato la dismissione del sito di Pozzuoli in cui lavorano 161 persone, una realtà altamente qualificata nel settore informatico che stipula contratti a livello nazionale, gestisce il software del ministero dell’Istruzione, lavora con Inps, Inail, nonché con banche prestigiose». «Secondo l’azienda – si legge nell’interrogazione – la dismissione di Pozzuoli sarebbe determinata dalla crisi di mercato e da disavanzi di bilancio insostenibili ma essa è stata già affrontata, negli anni scorsi, con una riduzione di personale attraverso esodi incentivati e con il ricorso alla cassa integrazione».

FATTE VERIFICHE – «Infine – concludono Barozzino e De Cristofaro – andrebbero verificate le reali potenzialità dell’azienda Matic Mind che, al momento, non sembrerebbe possedere le credenziali sufficienti per assorbire il personale HP evitando così la delocalizzazione verso Paesi dove il costo del lavoro è notevolmente inferiore».