cuccioli-avvelenatiPOZZUOLI – Quattro gattini avvelenati a Monterusciello in via Scarpetta, nella zona del caseggiato popolare del lotto 13. A denunciarlo è una giovane residente del posto che ha postato nel gruppo Facebook “Sei di Pozzuoli se” la foto denuncia, con i piccoli felini morti sul prato. Dopo il rinvenimento i residenti hanno puntato l’indice contro le operazioni di derattizzazione del comune, ma il sindaco ha smentito scrivendo a un utente che aveva segnalato l’accaduto.

discussioneINDIGNAZIONE E POLEMICA – La foto-denuncia è stata pubblicata in rete questo pomeriggio e dopo pochi minuti è diventata virale scatenando i commenti degli utenti. Inevitabile è stata la condanna verso chi avrebbe avvelenato i cuccioli. A quanto pare però i gattini potrebbero essere morti a causa delle operazioni di derattizzazione che il comune di Pozzuoli sta effettuando in città. Una derattizzazione che secondo alcuni utenti, sta avvenendo cospargendo veleno e che starebbe colpendo indiscriminatamente anche gatti e cani.

LA SMENTITA – A gettare veleno sul fuoco un utente che ha postato nel gruppo la sua conversazione privata con il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia. Quest’ultimo alla richiesta di spiegazioni sulle modalità di derattizzazione ha fornito rassicurazioni affermando che le operazioni nei giardinetti vengono eseguite attraverso il posizionamento di “cassette” contenti veleno. Una modalità alternativa innocua per cani e gatti e che evita l’immissione nell’aria e sui terreni di veleni. Restano però le numerose segnalazioni dei randagi (e non) morti in città in questi ultimi giorni.