POZZUOLI –
Attimi di tensione si sono vissuti ieri a Licola, all’interno dell’istituto Oriani, dove gli scrutatori del seggio 34 si sono ammutinati contro il nuovo presidente nominato dalla Prefettura (avrebbe dovuto sostituire quello del primo turno). All’arrivo dell’uomo, un puteolano sulla sessantina di anni, i tre scrutatori hanno lasciato il seggio affermando di non voler lavorare con lui in quanto ritenuto “instabile mentalmente”.

LE PROTESTE – Il presidente, che inoltre non aveva un segretario, ha tentato invano di nominarne uno ricevendo però una lunga serie di rifiuti. Fino alle 16, quando il responsabile comunale presente nell’istituto ha chiesto alla sezione centrale del comune l’invio di un nuovo presidente. A quel punto il presidente appena sollevato si è scagliato contro gli scrutatori, rendendo necessario l’intervento delle forze dell’ordine che lo hanno poi fatto allontanare. Il nuovo presidente, nominato dal Comune, si è insediato solo alle 18:15. Due scrutatori hanno anche rinunciato all’incarico dopo il caos scoppiato in precedenza. Ieri il seggio numero 34 è stato l’ultimo a chiudere i battenti.