Il lago ha rotto gli argini nei presi del Tempio di Apollo
Il lago ha rotto gli argini nei pressi del Tempio di Apollo

POZZUOLI – Il canale del Lago d’Averno è nuovamente ostruito da rifiuti e vegetazione. Il condotto che collega lo specchio d’acqua, che ha ispirato Virgilio, con il mare non riesce a far defluire correttamente l’acqua e il livello del lago inizia a salire. Complici le copiose piogge dello scorso week end il lago è già straripato, come ormai consuetudine, nei pressi del Tempio di Apollo, mentre in alcuni punti l’acqua già sfiora i margini. Sebbene siamo lontani dall’acqua che per metri invade il sentiero che costeggia il lago, con le prossime piogge la scena potrebbe ripresentarsi.

VEGETAZIONE E RIFIUTI – Ad ostruire il canale è il canneto che cresce nel corso d’acqua, talmente fitto che blocca anche ogni tipo di rifiuto che viene buttato nel lago o all’interno del canale stesso. Un tappo che fa defluire solo in piccola parte l’acqua in eccesso, portando ad inevitabili esondazioni, che se da un lato non rappresentano alcun pericolo per le abitazioni e gli esercizi commerciali vicine, comunque rende impercorribile il lungolago molto frequentato dagli avventori di jogging e passeggiate.

COMPETENZA REGIONALE – La competenza della pulizia del canale non è comunale ma è della Regione Campania e su questo aspetto è intervenuto l’assessore all’ambiente del Comune di Pozzuoli Francesco Cammino: «Siamo a conoscenza dello stato del canale, abbiamo già sollecitato la Regione, se non interverrà saremo costretti, come già fatto in passato, ad intervenire a spese nostre. Il problema del canale dell’Averno è uguale a quello della spiaggia di Licola e di altri posti di competenza regionale e a tale proposito ho chiesto un incontro al vice presidente della Regione Fulvio Bonavitacola, per risolvere queste situazioni».