POZZUOLI – Una nuova area di stoccaggio in città. Sorge in via Fascione ed ospita momentaneamente i rifiuti urbani non pericolosi. A disporlo un’ordinanza firmata dal sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia. Il provvedimento si è reso necessario dopo la chiusura del centro di raccolta comunale dei rifiuti solidi urbani di Toiano dove sono in corso i lavori di adeguamento. Gli altri due centri raccolta di via Saba, a Monterusciello, e di via Vecchia delle Vigne, zona Solfatara, risultano sovraccarichi per l’aumento della quantità dei rifiuti conferiti dalla cittadinanza. L’individuazione del sito nasce anche per far fronte al rallentamento dello Stir di Giugliano e agli sversamenti di immondizia lungo le strade. Un fenomeno che, nonostante il pugno di ferro adottato dall’amministrazione comunale e dalle forze dell’ordine, continua ad essere dilagante.

L’ORDINANZA – «L’abbandono incontrollato di rifiuti comporta potenziali inconvenienti di carattere igienico-sanitario relativi alla possibilità che tali rifiuti in stato di abbandono siano soggetti a combustione dolosa o autocombustione. Tale evenienza assume maggiore rilevanza con l’aumento delle temperature e l’incalzare della stagione estiva», si legge nell’ordinanza che vede in calce la firma del capo dell’esecutivo di Pozzuoli. L’utilizzo del sito di via Fascione come area di stoccaggio non comporta maggiori oneri per l’Ente. Qui potranno essere depositati momentaneamente rifiuti ingombranti, sfalci di potatura e sterpaglie risultanti da parchi e giardini e rifiuti misti delle attività di costruzione e demolizione. Tali materiali dovranno essere posizionati all’interno di cassoni scaricabili e dovranno essere protetti dall’azione degli agenti atmosferici. L’ordinanza sindacale è chiara: nessun altro tipo di rifiuto potrà essere collocato nello spazio individuato, che tra l’altro è già di pertinenza degli uffici del Servizio di spazzatura comunale. «I rifiuti – recita il provvedimento – permangono presso l’area sita in via Fascione per il solo tempo strettamente necessario alla rimozione degli stessi dalle pubbliche vie ed in relazione alla disponibilità degli impianti di conferimento». L’area, inoltre, sarà utilizzata solo ed esclusivamente dal personale appartenente al Servizio Igiene urbana del Comune di Pozzuoli. L’ordinanza non ha, dunque, nulla a che vedere con l’appello lanciato dal governatore della Campania, Vincenzo De Luca, che ha invitato i Comuni a trovare siti di stoccaggio provvisori dove collocare i rifiuti in previsione della chiusura del termovalorizzatore di Acerra.