DONNARUMMA1 Tommaso

POZZUOLI – Quattro anni e 6 mesi di detenzione. E’ questa la condanna emessa al termine del processo con rito abbreviato nei confronti di Tommaso Donnarumma, il 46enne accusato ed ora anche condannato per ricettazione. Il pubblico ministero aveva chiesto due mesi in più per il gioielliere di Arco Felice che, stando al castello accusatorio, avrebbe messo gli occhi sul bottino di una rapina perpetrata nel marzo del 2014 ai danni di un negozio di preziosi di Giugliano.

IN CINQUE ALLA SBARRA – Le indagini, partite dopo l’arresto di alcuni rapinatori, portarono all’individuazione del 46enne quale presunto ricettatore della merce portata via due anni fa dai malviventi. Da diverse intercettazioni telefoniche erano venuti fuori i frequenti contatti che Donnarumma aveva con uno dei componenti della banda, finito anch’egli condannato. Oltre alla condanna per il gioielliere puteolano – nei confronti del quale il giudice ha riqualificato l’accusa da rapina a ricettazione – sono arrivate anche quelle per i fratelli Tommaso e Fabio Frascogna a 6 anni; per Antonio Miraglia e Giuliano Tesone a 4 anni e 6 mesi e per Angela Piscopo a 4 anni e 2 mesi. Questi ultimi accusati e condannati  a vario titolo per rapina aggravata e porto abusivo di arma e munizioni.