di Gennaro Del Giudice

Picchia la madre per 20 euro, arrestato dai carabinieriPOZZUOLI – Ha preso a calci e pugni la madre per convincerla a farsi consegnare 20 euro. E’ la brutale violenza messa in atto da un 21enne di Pozzuoli, arrestato ieri dai carabinieri della locale Aliquota Radiomobile. Il giovane, già noto alle forze dell’ordine, è finito in manette con l’accusa di tentata estorsione, lesioni e maltrattamenti in famiglia. Il 21enne è stato bloccato nella sua abitazione mentre tentava la fuga immediatamente dopo aver minacciato e picchiato a calci e pugni la madre 56enne alla quale aveva chiesto 20 euro, soldi che gli servivano per acquistare stupefacenti.

 

LE VIOLENZE – Una richiesta che la donna non ha potuto soddisfare scatenando la violenza del giovane che si è scagliato contro la madre. Dopo le minacce verbali il figlio l’ha colpita ripetutamente con calci e pugni. Poi il provvidenziale intervento dei carabinieri che hanno evitato il peggio e prestato i primi soccorsi alla donna che è stata medicata dai sanitari dell’ospedale “Santa Maria delle Grazie” di Pozzuoli per lesioni guaribili in sette giorni.

 

NESSUNA DENUNCIA – Inoltre con successive verifiche i militari della Radiomobile di Pozzuoli hanno accertato che da diversi mesi il 21enne si era reso responsabile di analoghi episodi di violenza nei confronti della donna che, per amore del figlio, non li aveva mai denunciati. Dopo le formalità di rito il giovane è stato arrestato ed ora è in attesa di rito direttissimo.