carla ilenia caiazzo2POZZUOLI – Carla Caiazzo ha parlato per la prima volta pubblicamente, raccontando del terribile episodio di violenza che l’ha vista protagonista oltre tre mesi fa. «Il suo sorriso sulle labbra, è quello che mi ferisce, che mi fa star male, che mi fa impazzire». La sua voce è continuamente interrotta dal pianto. Carla parla dal suo letto nell’ospedale Cardarelli, dove è ricoverata dallo scorso primo febbraio. Dopo che il suo ex compagno, Paolo Pietropaolo (in carcere con l’accusa di tentato omicidio aggravato da crudeltà e motivi abietti) l’aveva cosparsa di liquido infiammabile procurandole ustioni su oltre la metà del corpo. In grembo una bambina che i medici riusciranno a far nascere nonostante le gravissime condizioni in cui si trovava la donna.

“ORA VAI, VATTI A DIVERTIRE” – «Era calmissimo, era dolce, mi mostrò anche i vestiti che aveva regalato alla figlia. Come si fa a fare una cosa del genere, glielo vorrei chiedere. Col sorriso sulle labbra e ad andarsene col sorriso sulle labbra, e dire “ora vai, vatti a divertire, sorridi ancora…». Straziante il racconto della 38enne, davanti alle telecamere de I fatti Vostri, intervistata da Filomena Rorro. «Mi ha prima strangolata e poi, quando ho ripreso coscienza, ho chiesto aiuto al mio vicino per farmi spegnere. Sono rimasta in piedi per far capire a queste persone che fossi incinta».

“GESTO PREMEDITATO” – Non vuole ancora mostrare il suo volto, ma promette di farlo in futuro, soprattutto per quella tante donne che hanno subito e subiscono ancora violenze dai propri compagni ed ex compagni. Un gesto premeditato, secondo Carla. Un raptus durante il quale Paolo non era se stesso, secondo il legale dell’uomo, l’avvocato Gennaro Razzino. In studio l’attuale compagno di Carla, Vincenzo Ilario e l’avvocato Maurizio Zuccaro. La bimba, Giulia Pia, sta bene. Ma la madre ha potuto vederla solo pochi giorni fa.