pediatria1
E’ stata adottata la piccola Rosa Benedetta (immagine di repertorio)

di Violetta Luongo
POZZUOLI –
Ha trovato amore e una famiglia la piccola Rosa Benedetta. Abbandonata nuda su uno zerbino davanti all’uscio di un’abitazione in via Tranvai a via Napoli lo scorso agosto, ora la neonata è stata adottata. Aveva appena tre giorni quando è stata trovata davanti alla porta  del civico 4, presa in cura dagli operatori del 118 e nutrita dai sanitari dell’ospedale Santa Maria delle Grazie, Rosa fu poi ricoverata al nosocomio Santissima Annunziata.

SALVATA NEL GIORNO DI SANTA ROSA – Gli operatori sanitari di Forcella scelsero per lei il nome di Rosa, santa del giorno in cui è giunta a loro, e Benedetta come dono divino. Dalla carnagione chiarissima e con i capelli castani, nata prematura fu subito messa nell’incubatrice, buone e in equilibrio sono sempre state le sue condizioni di salute, superato il peso di 1 chilo e 800 grammi ha potuto lasciare l’incubatrice per indossare la sua prima tutina e dormire nella sua prima culla.

IL LIETO FINE – Ma il trasferimento in culla è durato solo due giorni, il Tribunale dei Minori, con un provvedimento molto rapido, ha individuato una coppia di genitori adottivi a cui la piccola è stata data in affido. La facente primario della terapia Intensiva Neonatale dell’Annunziata, Teresa Vacchiano si è occupata della pratica e ha avuto il primo colloquio con i futuri genitori della piccola. Ora la bimba sta bene ed è pronta ad iniziare la sua nuova vita.