Chiusi gli accessi al cantiere del Rione Terra
Fermo il cantiere del Rione Terra

POZZUOLI – In merito all’attuale interruzione dei lavori al Rione Terra, a causa della protesta dei 100 operai ai quali la Regione Campania ritarda i pagamenti, si è espresso anche il partito Sinistra Ecologia e Libertà di Pozzuoli scrivendo: «In relazione alla nuova e inaccettabile interruzione dei lavori al Rione Terra, che ha portato al blocco totale delle attività sulla rocca, Sinistra Ecologia e Libertà di Pozzuoli chiede un intervento rapido ed efficace per la loro ripresa. Ad essere in gioco, infatti, oltre allo sviluppo futuro dell’intera città dal punto di vista economico e turistico, vi è anche il destino di numerose famiglie. Pertanto desideriamo esprimere tutta la nostra solidarietà e vicinanza ai lavoratori, il cui futuro non può dipendere da freni burocratici. La Regione intervenga immediatamente per sbloccare i fondi già stanziati, per il proseguimento dei lavori e per restituire quanto prima il Rione Terra alla città, importante fulcro per il rilancio di Pozzuoli, culla di cultura, storia, arte e turismo».

IL PAESE HA BISOGNO DI INVESTIMENTI – «La città di Pozzuoli, la storia che essa rappresenta ed i cittadini impegnati nella ricostruzione del Rione Terra meritano, a nostro avviso, ben altro rispetto di quello che le istituzioni regionali stanno loro riservando. Il Paese ha bisogno di investimenti non di blocchi», conclude Sel.