di Gennaro Del Giudice

ztl (7)POZZUOLI – Con il nastro isolante coprivano la targa dell’auto lasciando intravedere appena 2-3 numeri. In questo modo riuscivano ad entrare ed uscire tranquillamente dalla ZTL di Via Napoli riservata ai residenti. Un escamotage col quale per settimane hanno “beffato” l’area video sorvegliata le cui telecamere, al passaggio delle auto con le targhe coperte, inviavano alla centrale operativa immagini che non permettevano di risalire agli intestatari dei veicoli. Un “trucchetto” scoperto dagli uomini della Polizia Municipale di Pozzuoli, diretti dal comandante Carlo Pubblico, che attraverso un’indagine-lampo in 10 giorni sono riusciti a chiudere il cerchio attorno ai furbi e a denunciare 5 persone. Tra questi ci sarebbe anche un commerciante della zona, denunciato a piede libero per truffa ai danni del comune di Pozzuoli. I cinque, oltre a dover rispondere davanti a un Giudice per il reato di cui sono accusati, dovranno pagare tutte le sanzioni relative al numero di volte in cui sono entrati illegalmente nella ZTL di Corso Umberto Primo. Intanto sono migliaia le multe scattate in meno di due mesi ai danni dei trasgressori della Zona a Traffico Limitato in vigore dai primi giorni di maggio in Corso Umberto Primo a via Napoli.