POZZUOLI – Ha 83 anni il signor Francesco, cittadino di Frattamaggiore che, arrivato in bicicletta di mattina presto al Distretto Sanitario di via Padre Mario Vergara, ha pagato il ticket al Totem digitale appena installato dall’ASL Napoli 2 Nord, la nuova tecnologia che sostituisce i vecchi punti gialli che tanti problemi hanno dato a cittadini e all’ASL negli anni passati. Per nulla intimorito dallo schermo touch screen, il signor Francesco ha pagato la sua visita oculistica seguendo passo dopo passo le procedure richieste dal sistema digitale. Gli è bastato qualche minuto per prendere confidenza col nuovo sistema. «Qua a Frattamaggiore abbiamo sperimentato questa nuova tecnologia nello scorso mese – Dice l’Ingegner Salvatore Flaminio, direttore del servizio di Tecnologie Informatiche e Ingegneria Clinica dell’ASL – Sapevamo che la vera sfida non era tecnologica ma nell’interfaccia tra il cittadino e la macchina. Per questo nei primi giorni di attività abbiamo affiancato dei ragazzi della scuola infermieri ai cittadini che dovevano pagare il ticket. In realtà abbiamo capito subito che si trattava di una precauzione eccessiva; l’interfaccia del nuovo sistema è immediato e di semplice comprensione per tutti.»

I NUOVI TOTEM – Quanto la nuova tecnologia sia risultata efficace è provato dal numero di transazioni effettuate dal Totem: oltre 3000 operazioni nel corso del primo mese di attività. Alla luce di questi buoni riscontri, al totem del Distretto di Frattamaggiore si affiancheranno altre 16 macchine dello stesso tipo che saranno installate presso le sedi dei 13 Distretti Sanitari e presso gli ospedali di Frattamaggiore, Giugliano, Pozzuoli e Ischia. I nuovi Totem, tra l’altro, permettono al cittadino anche di poter scaricare online la ricevuta del pagamento effettuato, così da poterne detrarre le spese. Conclude l’Ingegnere Flaminio: «Questo è solo uno step di un percorso che abbiamo intrapreso da tempo e che punta a semplificare il rapporto tra i cittadini e la Pubblica Amministrazione. Purtroppo, a causa di complessità amministrative e organizzative non è stato possibile intervenire prima per la sostituzione dei vecchi punti gialli con questi nuovi totem che, nel prossimo futuro, permetteranno anche di prenotare le visite e gli esami.»