Vincenzo a mare (foto di Enzo Buono)

POZZUOLI – L’ex ristorante “Vincenzo a Mare” di Pozzuoli ha i giorni contati. Entro la fine di febbraio la struttura di via Napoli sarà completamente abbattuto. Un’operazione importante che rappresenta un nuovo inizio per la riqualificazione della costa cittadina compresa tra via Napoli e il Rione Terra. Al posto dell’ex ristorante verrà realizzata una piazza con panchine e una grossa fontana verticale che potrà dare luogo anche ad originali proiezioni.

LA STORIA – Quella dell’ex “Vincenzo a Mare” è una storia controversa che va avanti da diversi anni, da quando, dopo decenni di abbandono, nel 2013 l’amministrazione Figliolia decide di inserire il progetto dell’abbattimento tra gli interventi aggiuntivi del PIU Europa. Progetti che vengono accolti e finanziati dalla Regione Campania. In quello stesso periodo c’è una nota della Soprintendenza che sottolinea l’inattendibilità da un punto di vista paesaggistico dell’opera, rimarcando che la riqualificazione dell’area non potesse in alcun modo prescindere dall’abbattimento del manufatto. Successivamente inizia il contenzioso sulla liceità edilizia dell’opera: il Tar dà ragione al Comune, mentre il Consiglio di Stato in ultima analisi ribalta la decisione. Il Consiglio Comunale di Pozzuoli, nel dicembre 2020, approva l’atto deliberativo con cui viene adottata la “variante semplificata” al Piano Regolatore Generale e posto il vincolo finalizzato alla demolizione del manufatto. Dopo anni è giunta così la parola fine al lungo iter burocratico-legale che nel giro di poche settimane porterà all’abbattimento dell’ecomostro.