POZZUOLI – Erbacce, sterpaglie, insetti e topi in uno dei maggiori siti archeologici della città di Pozzuoli. E’ l’immagine che arriva dallo “Stadio Antonino Pio” dopo il lockdown. Uno spettacolo indecente per uno dei maggiori siti gestiti dal Parco Archeologico dei Campi Flegrei. Nonostante la ripresa delle attività, seppur a rilento e con mille restrizioni, durante questa “Fase 2” nel sito di via Campi Flegrei nessun intervento di pulizia e di giardinaggio è stato messo in campo. Prima dell’emergenza sanitaria l’apertura dell’Antonino Pio avveniva solo in giorni prestabiliti e legati ad eventi particolari.