L’Istituto scolastico Virgilio di Pozzuoli

POZZUOLI – Non c’è pace tra i corridoi dell’Istituto Virgilio di Pozzuoli. Nel corso della notte ignoti hanno fatto irruzione a scuola per impedirne le lezioni. Ancora una volta, così come già accaduto per ben tre volte consecutive, hanno messo a segno il più classico degli atti vandalici, spargendo ingenti quantità di creolina da non consentire stamane l’ingresso per alcuna classe. Poco fa l’acre scoperta. La preside Stefania Putzu si è vista così costretta a chiudere l’istituto scolastico di via Vecchia San Gennaro «a causa di atti vandalici intercorsi nella notte». «La chiusura è da intendersi per l’intera giornata e riguarda sia le attività didattiche antimeridiane che quelle pomeridiane», si legge nell’avviso a firma del dirigente scolastico. A metà dicembre gli studenti hanno duramente condannato la sequela di episodi mediante una nota congiunta: «Consideriamo che il comportamento incivile e antidemocratico di un paio di alunni, che in questo modo intendono sottrarsi ai loro doveri scolastici, leda l’immagine di tutti gli altri ottocento studenti. Precisiamo che allo stato attuale non emergono motivi di protesta o di malcontento nei confronti della scuola e che comunque, seppure ci fossero, ribadiamo che non giustificherebbero alcun atto vandalico».