Figliolia_MaionePOZZUOLI – A meno di 6 mesi dalle elezioni comunali a Pozzuoli è già tempo di toto-sindaco. Con un centrodestra moribondo e inesistente in consiglio comunale (eccetto Guido Iasiello) e un Movimento Cinque Stelle che sembra non decollare, le alternative a Vincenzo Figliolia (per la candidatura a sindaco) sembrano arrivare dal suo stesso partito e sono quelle del dissidente Nicola Delle Corte e dell’ormai ex delfino del sindaco Gigi Manzoni.

Della CorteDELLA CORTE – A sostegno di Niki Della Corte ci sono movimenti e associazioni giovanili che sembrano decise convergere attorno al suo nome. Nonostante sia ancora un consigliere comunale in forza al Partito Democratico, Della Corte è nei fatti uno dei maggiori consiglieri di opposizione che più sta dando filo da torcere a questa amministrazione. Un profilo gradito a più forze politiche e che potrebbe rappresentare il “nuovo” da contrapporre al “vecchio” Vincenzo Figliolia che si candida per la quarta volta alla poltrona di sindaco della città di Pozzuoli.

ManzoniMANZONI – Un nome suggestivo, che piace a tanti ma che per una questione di opportunità viene solo sussurrato, mai pronunciato ufficialmente per non creare dissapori con il “grande capo”. E’ quello di Luigi Manzoni, capogruppo del Partito Democratico ed ormai ex delfino di Vincenzo Figliolia. Manzoni dopo anni all’ombra di Figliolia vuole il “grande salto”. E lo vuole fare attraverso uno strumento democratico che al PD puteolano sembra non andare giù: le primarie per la scelta del candidato a sindaco. Voci di corridoio dicono che il giovane consigliere comunale, a cui Figliolia ha concesso poco in questi 5 anni in termini di visibilità, darà filo da torcere per ottenere dal partito le primarie.