Paolo Ismeno

POZZUOLI – Domenica a Pozzuoli si torna al voto per il ballottaggio. In vista del confronto diretto alle urne abbiamo contattato e sottoposto domande ai due candidati a sindaco: Paolo Ismeno e Luigi Manzoni.

Continuiamo la rubrica con Paolo Ismeno, assessore al Bilancio uscente, sostenuto da una coalizione formata da 8 tra civiche e partiti: Insieme, Sinistra Italiana, Democrazia e Libertà, Iniziativa Democratica, Progetto in comune, Moderati per Pozzuoli, Davvero Pozzuoli-Ecologia e Sviluppo e La città per Figliolia. Al primo turno Ismeno ha incassato 15.332 preferenze (41%).

Le scorse votazioni hanno decretato il ballottaggio tra lei e Luigi Manzoni, ma solo uno dei due si potrà sedere sulla poltrona di primo cittadino. Qual è il suo bilancio sul risultato raccolto al primo turno?
«Abbiamo ottenuto un risultato eccellente al primo turno, tenuto conto del ritardo della partenza e delle difficoltà avvenute in corso di campagna elettorale».

Cosa si aspetta dagli elettori? Quali sono le sue sensazioni in vista di domenica?
«Adesso la competizione è esclusivamente tra me e l’ingegnere Manzoni. Il ballottaggio è una partita imprevedibile».

In caso di sconfitta come farà opposizione in Consiglio comunale?
«Non penso che perderò, ma se ciò accadesse darò il mio contributo in maniera costruttiva ed equilibrata».